1/2

Cos'è il diritto di famiglia?

Il diritto di famiglia è quella parte del diritto civile che disciplina tutti i tipi di relazioni familiari e tutte le problematiche ad esse connesse.

I diritti della famiglia sono intangibili e di essi la Costituzione tratta negli artt. 29-31. La Carta costituzionale enuncia una vera e propria definizione della famiglia, stabilendo che la Repubblica ne riconosce e garantisce i diritti come società naturale fondata sul matrimonio (art. 29).

Occorre precisare che attualmente sulla spinta di molteplici fattori socali, etici e giuridici, il quadro normativo in cui si collocano le relazioni familiari, a seguito delle recenti riforme è profondamente mutato, in virtù del recepimento di modelli che si discostano da quello cui fa riferimento l'art. 29 Cost.

Molteplici sono le vesti che la relazione di coppia oggi può assumere: quella del matrimonio, riservato a persone eterosessuali; dell'unione civile, riservata a persone dello stesso sesso; della stabile convivenza tra persone eterosessuali o dello stesso sesso.

Il diritto di famiglia disciplina la crisi coniugale. Da un lato, prevede il ricorso al giudice nei casi in cui i coniugi siano tra loro in disaccordo sulle decisioni da assumere cencernenti la vita familiare oppure scelte che riguardano i figli minori; dall'altro, quando la prosecuzione della convivenza sia divenuta intollerabile, disciplina la separazione; infine quando il conflitto appaia insanabile e la comunione di vita sia venuta meno, regola lo scioglimento del matrimonio.

Il diritto di famiglia si occupa della tutela dei minori. Infatti spesso, quando sorgono controversie tra i genitori o a seguito della rottura del matrimonio, i figli sono i primi a pagarne le conseguenze. Pertanto per la tutela dei minori, il legislatore ha disciplinato l'istituto dell'affidamento dei figli a seguito di separazione, scioglimento, cessazione degli effetti civili, annullamento, nullità del matrimonio ovvero all'esito dei procedimenti relativi ai figli nati fuori dal matrimonio.

Per l'ipotesi in cui la famiglia biologica non sia in grado di provvedere alla crescita e all'educazione del fanciullo, la legge disciplina gli istituti dell'affidamento e dell'adozione. L'affidamento ha lo scopo di fornire un ambiente familiare idoneo al fanciullo che ne sia temporaneamente privo, mentre l'adozione crea un pieno rapporto di filiazione fra soggetti che non sono uniti dal vincolo di sangue.

Il diritto di famiglia disciplina non solo i rapporti personali tra i coniugi, ma anche quelli patrimoniali. Secondo una consolidata definizione, il regime patrimoniale della famiglia è rappresentato dalla disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi e dei familiari in ordine all'acquisto e alla gestione dei beni.

Cosa sapere

Qual è la differenza tra separazione, divorzio e nullità del matrimonio?

La separazione ed il divorzio operano come rimedi alla crisi del rapporto matrimoniale con funzioni che rimangono tuttora diverse.

La separazione determina la sola attenuazione del vincolo coniugale, identifica una situazione di crisi familiare che può alternativamente sfociare nella ripresa della convivenza o nel suo definitivo venir meno.

Il divorzio (introdotto e disciplinato con la legge 01.12.1970 n. 898) invece, consacrando l'irreversibile frattura del consorzio familiare, comporta lo scioglimento del matrimonio o la cessazione degli effetti civili del matrimonio concordatario e la perdita dello status di coniuge. Solo a seguito di divorzio il coniuge può pervenire a nuove nozze.

In entrambi i casi si tratta di rimedi destinati ad incidere sul matrimonio come rapporto, per fatti che, verificatisi successivamente alla sua celebrazione, abbiano determinato l'insorgere della crisi coniugale. Diversamente la nullità del matrimonio estingue il vincolo coniugale per un vizio genetico che ne determina l'invalidità.

Qual è la differenza tra separazione giudiziale, consensuale e di fatto?

Bisogna distinguere la separazione legale, che può essere consensuale o giudiziale, da quella di fatto.

La separazione consensuale presuppone l'accordo dei coniugi di vivere separati e sulla regolamentazione dei rapporti reciproci e di quelli dei figli. Stabilisce l'art. 158, comma 1, c.c. che "la separazione per il solo consenso dei coniugi non ha effetto senza l'omologazione del tribunale".

Se non c'è l'accordo tra i coniugi per la separazione, si può ricorrere alla separazione giudiziale, che viene pronunciata con sentenza dal Tribunale, il quale deciderà sulle condizioni.

Il diritto di chiedere la separazione consensuale o giudiziale spetta a ciascun coniuge, anche in mancanza di consenso dell'altro coniuge.

La separazione di fatto consegue l'allontanamento di uno dei coniugi per volontà unilaterale o per accordo, ma senza che ci sia l'intervento del giudice. Essa non ha alcun valore sul piano legale.

Chi è l'Avvocato matrimonialista o divorzista?

Rivolgersi ad un Avvocato specializzato in uno o due settori del diritto, ha i suoi vantaggi: a) ci si rivolge ad un professionista esperto in tale/i settori; b) la sua attività è dedita allo studio di casi di specie ed alla risoluzione di problematiche che si esprime con maggiore minuziosità rispetto a chi esercita la propria attività in maniera "generalista".

L'Avvocato matrimonialista è un professionista specializzato nel settore del diritto di famiglia o matrimoniale. E' più comunemente chiamato Avvocato "divorzista", e raggiunge livelli di competenza in tali settori attraverso lo studio di casi specifici, corsi di aggiornamento ed esperienza sul campo.

L'Avvocato matrimonialista è colui che immedesimandosi nei conflitti di coppia, prospetta le possibili soluzioni legali. E' colui che si addossa sulle proprie spalle le varie problematiche in ambito familiare e spende le proprie energie al fine del raggiungimento di una giusta soluzione.

Il compito di un Avvocato matrimonialista, non si ferma tuttavia ai casi di separazione e divorzio, trattando del diritto di famiglia - che riguarda anche la tutela dei minori, regime personale e patrimoniale dei coniugi, unioni di fatto, unioni civili, diritto internazionale di famiglia, ecc. - estende la propria attività nell'intero e vasto ramo del settore familiare.

STUDIO LEGALE AVVOCATO LUCIO VINCENZO IAZZETTA

P.IVA 08394681210